AAA Principe Azzurro cercasi

Chi di noi da piccina non ha mai sognato di incontrare il Principe Azzurro?
Chi non ha mai sognato che un giorno alla nostra porta si sarebbe presentato lui, che ci avrebbe preso in braccio e portato in un castello bianco??
Io sono sincera lo sognavo, un bel principe azzurro su un bellissimo cavallo bianco…

Poi verso i ventanni le speranze si sono un’attimino attenuate e andava bene anche se non era azzurro….se era verde o giallo o arancione..

Verso i trentanni ho iniziato a pensare che andava bene anche senza cavallo bianco…

A quaranta ho capito che se ti si presenta anche solo il cavallo è già una buona cosa!!

A me più che cavalli però mi si son presentati sempre degli asini…orecchie lunghe, teste dure e poco poco poco ma dico poco intelletto.

E da donna single posso dire che ne avrò da raccontare per un bel pò.

Adesso però mi urge una domanda, cari maschietti, una cosa che da anni voglio sapere e non mi sono mai spiegata…ma che cosa vi hanno fatto i rotoli di carta igienica??
Come pensate che si cambino sul porta rotoli??? Da soli? Per osmosi con un rotolo nuovo? Un effetto telecinetico messo in atto da un mago tibetano???
Perchè quando finisce la carta igienica il rotolo per voi scompare?
Vi siete mai chiesti quale magico intervento divino faccia apparire il nuovo rotolo in bagno??

io, io, IOOOO!!!

Io sono il mago tibetano che lo fa apparire nuovo sul porta rotoli!!

E ho pure messo un bel porta ricambi appeso lì sopra con ben 3 rotoli di scorta…ma penso abbia il potere dell’invisibilità quando ha davanti un maschietto..

Ecco cari signori, vi svelerò un segreto…il rotolo di carta igienica non fa male! Non morde e non è dotato di intelligenza propria.
Quando succede che finisce, se proprio non volete farlo come atto autonomo perchè vi sembra di dare uno smacco al vostro ego, di incrinare la vostra immagine di superuomini, fate come se doveste fare un favore a lui, aiutate questo povero rotolo a trovare il suo posto nel mondo, cercate dentro voi stessi quell’istinto salvatore da missionario e dategli una mano ad essere nel posto giusto per poter espletare la sua mission cioè semplicemente quella di pulire il vostro sacro deretano che, come per il rotolo, non è dotato di autonomia e non si pulisce da solo !!!

Coraggio non è difficile, in più potrete vedere negli occhi delle vostre compagne (a tempo più o meno determinato) nascere uno sguardo di ammirazione che vale più di mille parole!!

A voi signore suggerisco, per avere un’idea più chiara di questi meccanismi arcani che guidano i maschietti, di leggere il libro “Nei panni di un uomo” di Vincent Norah che per 18 mesi si è fatta passare per un uomo e ne ha viste e sentite di tutti i colori.

Sembra un pò quello che abbiamo fatto in questo weekend al Camp 🙂 ..divertente ma anche illuminante…soprattutto per qualche maschietto che, sorprendentemente, si è trovato più a suo agio del previsto con addosso un paio di tette e due tracce di trucco…

Per oggi è tutto.

A la prochaine mes amis..

Miky

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...